NimzaLoader: il malware scritto in linguaggio Nim

NimzaLoader è un malware utilizzato per le campagne phishing scritto utilizzando il linguaggio di programmazione Nim creato dal programmatore tedesco Andreas Rumpf.

Nim è stato creato per essere un linguaggio veloce come il C, espressivo come Python ed estensibile come Lisp

Wiki — Nim linguaggio di programmazione

Rumpf ne parla come di un linguaggio efficiente, espressivo, elegante e parla delle sue caratteristiche in un pagina dedicata: https://nim-lang.org/

andrea biraghi leonardo
Photo by Dlanor S on Unsplash

NimzaLoader malware: i dettagli

La difficoltà di NimzaLoader — siccome sctìritto appunto in un linguaggio inusuale per un malaware — sta appunto nel suo rilevamento e nelle analisi. E appunto per eludere il suo rilevamento è stato utilizzato il linguaggio Nim.

La campagna di phishing è stata intanto attribuita all’attore minaccia TA800, che in precedenza propagato il malware BazaLoader. Ma ci sono delle differenze: Il linguaggio di programmazione tra i due malware è completamente diverso. Non coincidono nemmeno l’offuscatore di codice, lo stile di decrittografia delle stringhe e gli algoritmi di generazione del dominio. Pertanto, NimzaLoader non è considerato una variante di BazaLoader.

Le minacce informatiche si stanno evelovemdo utilizzando armi sempre più diverse per sfuggire al controllo.

La campagna di TA800 ha iniziato a diffondere NimzaLoader il 3 febbraio 2021 sfruttando i dati personali degli utenti nelle sue e-mail di phishing. L’e-mail contine collegamenti che reindirizzano gli utenti alle pagine di phishing per compromettere e / o rubare le informazioni sensibili o, potenzialmente, distribuire malware aggiuntivo. Diventa sempre più importante così, formare i dipendenti su come individuare le e-mail di phishing, in particolare quando campagne come questa tentano di sfruttare i dati personali.

Continua a leggere su Andrea Biraghi Cybersecurity Blog news

Le minacce informatiche evolute: il report Malware 2021 di MalwareBytes

l report Malware 2021 di MalwareBytes riporta l’evoluzione delle minacce informatiche durante il 2020 fino ad arrivare ad oggi. Gli attori delle minacce hanno approfittato soprattutto della crisi e della paura dovute alla pandemia di Covid-19, riorganizzando i propri sistemi di attacco e pefezionando i loro ransomware.

Nonostante le misure prese per assicurare di essere protetti in ogni momento i nuovi attacchi hanno riguardato una serie di exploit informatici su larga scala.

Andrea Biraghi

Andrea Biraghi è amministratore delegato Comdata. Esperto in Cyber Security, Security & Information System. Project Manager digitalizzazione e sicurezza IT.

Andrea Biraghi è amministratore delegato Comdata. Esperto in Cyber Security, Security & Information System. Project Manager digitalizzazione e sicurezza IT.