La sicurezza nello spazio: la nuova frontiera per la CyberSecurity

La sicurezza nello spazio: Articolo tratto da Longitude 109 — Looking for space Security, Andrea Biraghi.

Image for post
Image for post
Fonte Immagine: Longitude 109 — Looking for space Security, Andrea Biraghi.

La continua proliferazione dell’esplorazione spaziale non farà che aumentare la portata del nostro ambiente connesso. Dato l’elevato valore dei dati memorizzati sui satelliti e altri sistemi spaziali, sono bersagli potenzialmente interessanti per chiunque voglia sfruttare questa situazione per realizzare un profitto illegale. Sebbene risiedere nel vuoto dello spazio profondo li renda meno vulnerabili agli attacchi fisici, i sistemi spaziali sono ancora controllati da computer a terra. Ciò significa che possono essere infettati proprio come qualsiasi altro sistema informatico più vicino a noi. Gli aggressori non devono nemmeno essere hacker provenienti esclusivamente da nazioni che trattano o lavorano con lo “spazio”, così come non hanno nemmeno bisogno di avere accesso fisico diretto ai sistemi di controllo appartenenti a organizzazioni come NASA, ESA o Roscosmos. In un mondo così interconnesso, hanno tempi facili.

Mentre i sistemi di navigazione satellitare come GPS (USA), GLONASS (Russia) e Beidou (Cina) potrebbero non essere gli obiettivi più facili da hackerare, ci sono dozzine di altri proprietari di satelliti per comunicazioni globali che non hanno assolutamente lo stesso livello di protezione. Inoltre, migliaia di altre società affittano la larghezza di banda dai proprietari di satelliti per vendere servizi come TV satellitare, telefono e Internet. Poi ci sono centinaia di milioni di cittadini e aziende in tutto il mondo che li utilizzano. In altre parole, è una superficie di attacco potenziale molto ampia collegata direttamente a Internet. [continua …]

La sicurezza nazionale, l’avanzamanto militare e la corsa allo spazio

Come molte tecnologie su cui siamo arrivati ​​a fare affidamento, i sistemi spaziali sono in gran parte il risultato di obiettivi di sicurezza nazionale e avanzamento militare. La corsa allo spazio stessa era una competizione tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica. Fortunatamente, le nazioni si sono unite per vietare le armi di distruzione di massa dallo spazio e promuovere l’uso pacifico dell’ultima frontiera. [continua …]

Leggi l’articolo integrale su Andrea Biraghi Blog

Leggi anche:

Written by

Andrea Biraghi è amministratore delegato Comdata. Esperto in Cyber Security, Security & Information System. Project Manager digitalizzazione e sicurezza IT.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store