Gli hacker russi tra ReVil e Cozy Bears sono una sfida per Biden

Ora che il gruppo di hacker russi ReVil ha dichiarato la sua responsabilità nell’attacco ransomaware via Kaseya , il presidente russo Biden è ora sotto pressione: si cerca il responsabile. Nel frattempo, l’hack Synnex arriva qundi in un momento delicato. Gli hacker farebbero parte di APT29 o Cozy Bear, secondo Bloomberg, gruppo collegato al servizio di intelligence estero russo, l’SVR.

andrea biraghi
Photo by Maximalfocus on Unsplash

Il gruppo Cozy Bear è stato precedentemente accusato di aver violato il Comitato nazionale democratico nel 2016, nonché di aver compiuto la storica violazione della sicurezza informatica contro SolarWinds, che ha colpito circa 100 società statunitensi e nove agenzie federali. Gli hacker russi sono così anche accusati di aver violato un appaltatore del Comitato nazionale repubblicano la scorsa settimana, all’incirca nello stesso periodo dell’hack Kaseya, il più grande attacco ransomware globale mai registrato, che ha colpito tra 800 e 1.500 aziende.

L’attacco secondo i ricercatori di sicurezza e VSA Kaseya Ltd — dopo un’attenta analisi da parte della società di sicurezza informatica Emsisoft — è stato operato dal noto gruppo REvil, il gruppo ransomware che circa un mese fa ha raccolto un pagamento di 11 milioni di dollari dal produttore di carne JBS SA ha iniziato un attacco diffuso che ha probabilmente infettato centinaia di organizzazioni in tutto il mondo e decine di migliaia di computer, secondo gli esperti di sicurezza informatica

Continua a leggere su Andrea Biraghi

Andrea Biraghi è amministratore delegato Comdata. Esperto in Cyber Security, Security & Information System. Project Manager digitalizzazione e sicurezza IT.

Andrea Biraghi è amministratore delegato Comdata. Esperto in Cyber Security, Security & Information System. Project Manager digitalizzazione e sicurezza IT.